Strings Flux

Strings Flux

Una scultura luminosa di grandi dimensioni che riflette l’ambiente e la luce inglobando lo spazio e il pubblico.
L’intera opera potrebbe essere letta come la visualizzazione di infinite, possibili dimensioni entro le quali disperdere il flusso di energia e luce: lo spettro ottico, la scheggia di materia viene incisa dal segno dell’artista, creando fenditure che lasciano sfuggire la luce, proiettandola all’infinire.

Il flusso energetico non è altro che la conseguenza della ferita procurata allo spessore della materia, una sorta di “sangue fotonico” lasciato andare dalle vene dello spazio-tempo cosmico. Il flusso di luce incanalato e condotto nel solco tracciato dall’artista diviene allegoria visiva della disposizione spaziale delle stringhe nei diversi e ulteriori piani dimensionali ipotizzati dalla fisica quantistica.

Irradiata verticalmente attraverso lo spessore del cristallo, la luce fuoriesce e si produce attraverso le fenditure tracciate dall’artista, preconizzando ideali aperture proiettate al di là di un immaginato altro-quando spazio della mente

Alberto Gross

Close
Search